« L’evoluzione del P2P, dai contenuti musicali ai fondi per produrli (p.3: considerazioni) | Main | Reports Update: catalogo, diritti e vecchie star reggono la baracca, ma la nuova musica? »

06/24/2009

Comments

Feed You can follow this conversation by subscribing to the comment feed for this post.

Beh, qui mi sembra tutto chiaro: il buzz sul buzz è figlio del conflitto di interessi. Cioè: se io sono un uomo marketing e so maneggiare i social network; e se riesco a diffondere l'idea che i social network fanno vendere; ALLORA qualcuno mi darà una commessa. Il risultato è che i social media fanno l'apologia dei social media. Ovviamente fanno eccezione i grandi intellettuali, i Clay Shirky e gli Howard Rheingold; e di eccezioni ce ne sono anche altre. Ma insomma, difficile resistere alla tentazione.

The comments to this entry are closed.

Blog powered by Typepad

Your email address:


Powered by FeedBlitz

Become a Fan